Cosa (non) fare per essere il ristorante migliore

Imprenditori non si nasce, si diventa?!

 

Cosa non facile è sviluppare la propria attività: ok esiste una idea, dobbiamo elaborare un business plan e tradurre il tutto in realtà.

Negli ultimi mesi, nonostante la crisi, noto l’inaugurare continuo di nuovi locali: bisogna ammettere che le formule non mancano di innovazione e creatività. E questo è positivo!

Parlo di locali dove troviamo un po’ tutto ( pizzeria/ristorante/pasticceria/bar/ludoteca) come questo e se siete nei pressi di Reggio Emilia, vi consiglio di non perdere l’aperitivo domenicale con dj ( si accodano cena e colazione, oltre al gelato 🙂 ) .

[ giuro che non ho ricevuto richieste, come non ho ricevuto € per questo consiglio!:)]

Molti sono anche quei locali specifici per una clientela ancor più esigente come quella che frequenta l’ultima novità: i bio bar.

Leggendo i blog dei miei followers mi sono imbattuta in un articolo davvero interessante, scritto da BOCCONI DI MARKETING e che potete leggere cliccando qui!

Di quanto riportato mi han colpito le “bad practice”. Infatti molti siti riportano “il cosa fare per..”, ma forse dire che cosa non fare” risulta più efficace perchè ci permette di disegnare il confine da non superare: se l’ obiettivo è far crescere la nostra attività e sostenerla nel tempo.

Come riportato nell’articolo, spesso non sono valutati i dettagli che possono fare la differenza: senza dettagli l’attività non fallisce ok! ma permette di creare valore aggiunto per il cliente, ecco perchè io li considero un plus!

A questo aspetto aggiungo anche il posizionamento: elemento fondamentale per potersi posizionare nella mente del consumatore in relazione a certi standard ed associazioni.

Questa frase la potete trovare anche fra i commenti..

“[…]
ottima lista di bad practice anche se manca una cosa fondamentale ( o forse l’hai inserita in una macrovoce!?) e cioè il posizionamento.
Sa più strategico che operativo è vero però è un elemento importante in sede di pianificazione e sviluppo del proprio business.

In zona da me, da poco, trovo un pub in stile west ma propongono gnocchi alla sorrentina come menu’.. ora il titolare si lamenta perchè non ha un buon giro di clienti!
E’ un peccato perchè è una giovane coppia che ci prova, nonostante la crisi! […]”

 

Insomma poco stile, scarsa preparazione e attenzione ai dettagli, tanta maleducazione possono essere considerate davvero variabili critiche, secondo voi?

 

 

[Crediti | Immagine: Stockphoto]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...