[Intervista] Scegliere ed essere scelti!

Il generatore di efficienza, come anticipato dalla presentazione, non è solo comunicazione, marketing e social!

Infatti fra le categorie campeggia anche la voce “Formazione” nonostante sia un argomento ancora poco affrontato.

Si partirà, quindi, nei prossimi post a parlare di formazione ed in particolare di Personal Branding. Prima di descrivere dettagliatamente questa attività, vi riporto una superba chicca rilasciata dalla nostra Consulente HR Anna Martini.

Buona lettura!

 

Iniziamo con le presentazioni..

Anna Martini, di origine genovese, si occupa di Selezione, Outplacement e Career Management da 10 anni. Sogna un mondo in cui tutti possano fare un lavoro  che  amano, sentendosi “al posto giusto”. Per lei fare Personal Branding significa donarsi il lusso di farsi scegliere potendo scegliere!

Buongiorno Anna,

dal tuo blog leggo che ti occupi di “Selezione, Outplacement e Career Management”:  quando è iniziato l’interesse per queste tematiche?

Direi dai tempi dell’università, ho sempre sentito molto mie le materie legate al lavoro e all’organizzazione; già nella Tesi mi ero occupata di “Nuove Professioni” in ambito ambientale. Con l’avvio della mia carriera lavorativa ho poi, subito, sentito l’esigenza di approfondire con un Master “Selezione, Formazione ed Organizzazione Aziendale”.

Devo ringraziare la mia curiosità …. ma la verità è che la mia “arte di far domande” si è affinata molto prima … avevo solo 12 mesi!

Possiamo delucidare brevemente, ai nostri lettori, questi termini?

La Selezione è semplice da spiegare non mi soffermerei per non cadere in ovvietà … l’Ouplacement è il Servizio di supporto alla Ricollocazione Professionale, una sorta di ammortizzatore sociale attivo che, le aziende, offrono ai lavoratori quando si trovano a doverli accompagnare ad “uscire” dall’azienda … insomma è un modo per aiutarli a reinserirsi nel mondo del lavoro; il Career Management è  una metodologia a supporto di una gestione efficace della Carriera che io voglio coniugare con il servizio di Personal Branding.

Sempre dal tuo spazio virtuale apprendo che hai trascorso molto tempo in questo settore (10 anni) e, quasi, certamente hai notato mutamenti al suo interno.. dal lato dei lavoratori e da quello opposto (delle aziende) quali cambiamenti hanno attirato maggiormente la tua attenzione? Se ve ne sono stati ovviamente..

Grazie all’web 2.0 ci sono stati molti cambiamenti legati alle possibilità per le aziende di cercare e attrarre i talenti ma nello stesso tempo, per i candidati di farsi trovare!

Parliamo quindi di: E-recruitment e Employer Branding per le Aziende ma anche di Personal Branding per i Candidati.

Oggi ci si deve far trovare! [Vale per tutti sia aziende che candidati]

Condivido in toto la tua filosofia del “farsi scegliere potendo scegliere!”. Da dove nasce questo pensiero?

Nasce da una domanda che Luigi Centenaro mi ha posto, aiutandomi a scrivere la mia bio:  “cosa vorresti poter cambiare di questo mondo?” alla quale ho risposto così: “Vorrei che tutti potessero fare un lavoro che amano, che si sentissero “al posto giusto” e che potessero scegliere il loro lavoro, oltre che farsi scegliere!”

Lui è il maestro del Personal Branding e ha lavorato con me sulle mie Passioni! … Inutile dire che quella frase è diventata il mio pay-off! e lui il mio Personal Coach per il Personal Branding …

Nonostante la poca cultura in Italia, questa tua espressione, mi ricorda la filosofia del personal branding oppure si collega meglio all’ Employer Branding? Come la pensi in merito..

la risposta viene da sè …. Personal Branding!

Spieghiamo, in poche righe, a chi legge in che cosa consistono le strategie di Employer Branding e Personal branding e quali sono le differenze..

direi che è l’approccio che li differenzia, a fare Personal Branding è la persona, a fare Employer è l’azienda; due punti di partenza differenti e spesso due modi di comunicare altrettanto diversi.

Navigando in rete, in questi ultimi tempi, ho notato una nuova tendenza ossia quella di cercare una occupazione  e  i collaboratori tramite i social network come per esempio LinkedIn ma anche Facebook non è esente da questo andamento. Infatti proprio qualche settimana fa il Generatore di Efficienza ha indagato sulla nuova applicazione (BeKnow) realizzata grazie a Monster.it e Facebook… Cosa ne pensi di questo nuovo trend, che sembra essere in continua crescita..

Penso che chi cerca lavoro oggi non può non essere dentro a queste dinamiche, i tempi sono cambiati, bisogna adeguarsi, solo mettendo in atto buone strategie di Personal Branding si può riuscire a farsi trovare per  farsi scegliere, scegliendo!

Possiamo parlare di estinzione del CV cartaceo a favore dei social network oppure sono strumenti che agiscono secondo una integrazione?

Personalmente apprezzo molto più un profilo linkedin ben scritto e completo; in alternativa mi accontenterei di trovare un CV coerente con il profilo di linkedin, solo come ultima spiaggia potrebbe andare bene un CV ma … non europeo! e accompagnato da una lettera motivazionale con la L maiuscola (ho scritto molto sul mio blog su questo).

Ringraziandoti della tua disponibilità, infine, ti domando quale può essere una possibile strategia per un neolaureato che debutta nel mercato del lavoro, per un lavoratore che ha perso il posto di lavoro data la crisi (quindi con esperienza)… e non dimentichiamoci di coloro che sì lavorano ma cercano di migliorarsi.

solo tre consigli…

Primo: Avere una Vision chiara e metterla in pratica con semplicità, onestà e trasparenza.

Secondo: Usare e sfruttare il network, essere intraprendenti, innovatori e un po’ sfacciati

Terzo:  …. leggere il mio Blog!

Ps: Anna è approdata anche su Facebook, LinkedIn e Twitter

Annunci

9 thoughts on “[Intervista] Scegliere ed essere scelti!

  1. Davvero bella intervista e poi si cita anche il grande Luigi Centenaro, come non apprezzare. Forse un po’ troppo tecnica, ma va bene cosi!
    Dal canto mio qualche tempo fa ho scritto un breve post sul CV come Personal Branding e vi ho notata l’analogia con la scelta di non usare l’orribile Curriculum Europeo molto di moda, purtroppo.

    Potete leggere l’articolo qui: http://www.ilfondodelweb.it/post/Il-curriculum-vitae-come-mezzo-per-il-Personal-Branding.aspx

    Grazie
    Daniele

    1. Ciao Daniele,
      concordo con te sull’aspetto tecnico ma vedi… la tecnica, spesso, è quella che manca!
      Se si conoscono i concetti è possibile crearsi una propria strategia anzichè procedere ” un tanto al braccio!”
      In ogni caso sono disponibili i commenti per i chiarimenti ed i dubbi!
      Interessante il tuo blog.. mi sa che lo inserirò nei miei blogroll! 🙂

      Grazie della visita e buon Halloween!

      1. Ciao, hai ragione. Oggi molta gente promette e lavora basandosi unicamente sulle parole senza effettivamente avere preparazione tecnica in merito (nel mio blog ne parlo spesso).

        Grazie per i complimenti.
        Buon lavoro e buon Halloween a te!
        Cao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...